Copy
Primo maggio 2020
Leggi questa e-mail sul browser


Buon Primo maggio.
 

Giuseppe Ajmone, Natalia, olio su tela, 1954

 

Ritratto compiuto un 1 maggio non per dissacrare la Festa dei lavoratori, ma al contrario per sancire che il lavoro stesso è una festa.

Una festa è entrare ogni mattina nello studio lasciato in perfetto ordine la sera precedente e ritrovare quel sentore di trementina e gli strumenti  tutti pronti all’uso sapiente che se ne farà.

È la festa dell’artigiano che conosce bene il suo mestiere, che sa, e che sarà appagato, nonostante la fatica, o forse proprio grazie a questa, dall’opera compiuta.

E una festa dovrebbe essere per tutti gli studenti, piccoli e grandi, entrare in un’aula insieme ai loro compagni e imparare dal loro maestro che quella pratica quotidiana è il loro primo lavoro e un privilegio che va guadagnato con impegno e fatica, perché consente di contribuire a ciò su cui si fonda la nostra Repubblica, di fare qualcosa che non è scopo a se stesso, ma parte di un organismo più grande di cui piccoli e grandi, giovani e vecchi, esseri umani tutti quanti, facciamo parte. 

Con affetto…
Ciao, ciao, ciao.

Natalia Ajmone

sito web sito web
Giuseppe Ajmone su facebook Giuseppe Ajmone su facebook
Giuseppe Ajmone su instagram Giuseppe Ajmone su instagram
© 2020 Bookshop Giuseppe Ajmone, tutti i diritti riservati.


Puoi cambiare le preferenze di sottoscrizioneannullare l'iscrizione a questa mailinglist

Email Marketing Powered by Mailchimp