Copy
1 maggio 2021


Carissimi tutti, un abbraccio.

Eseguite da Giuseppe Ajmone molti anni fa, su commissione dell’Ansaldo di Genova, le due litografie in bianco e nero celebrano il lavoro svolto negli altiforni, incentrando tutto il pathos sull’operaio, una sorta di demiurgo intento all’opera che coinvolge in un tutt’uno la mano dell’artista e il sentimento di chi guarda.

Io osservo e mi tornano in mente le parole di Cesare Pavese ne Il mestiere di vivere


4 maggio 1939 

Fare qualcosa che non sia scopo a se stesso (come invece soffrire o godere) ma rivolto a un’opera, dà la serenità perché interrompe la noia senza impegnarci nella catena subita di sensazioni e sentimenti, e permettendoci invece di vedere dall’alto (serenità) un organismo che accetta leggi da noi (la nostra opera). 

Di tutto il lavoro umano, e quindi anche dell’arte, l’elogio più grande è che ci consente di vivere in serenità, cioè di sfuggire al determinismo e imporre noi una legge alla materia e contemplare questa disinteressatamente nella sua azione. 

Quello che i Greci dicevano della filosofia, che è contemplazione disinteressata e quindi l’attività più sublime, diciamolo di qualunque “tecne” che è vita disinteressata e cioè creazione di catene causali.


… 


15 maggio 

… La massima sventura è la solitudine… l’opera equivale alla preghiera, perché mette idealmente a contatto con chi ne usufruirà. Tutto il problema della vita è dunque questo: come rompere la propria solitudine, come comunicare con altri. …

 

Buon 1 maggio!


 

Natalia  Ajmone

 

sito web sito web
Giuseppe Ajmone su facebook Giuseppe Ajmone su facebook
Giuseppe Ajmone su instagram Giuseppe Ajmone su instagram
© 2021 Bookshop Giuseppe Ajmone, tutti i diritti riservati.


Puoi cambiare le preferenze di sottoscrizioneannullare l'iscrizione a questa mailinglist

Email Marketing Powered by Mailchimp