Copy
25 aprile 2020
 
leggi questa e-mail sul browser

“L’acciaio delle armi gli ustionava le mani, il vento lo spingeva da dietro con una mano inintermittente,  sprezzante e defenestrante, i piedi danzavano perigliosamente sul ghiaccio affilato. Ma egli amò tutto quello, notte e vento, buio e ghiaccio, e la lontananza e la meschinità della sua destinazione, perché tutti erano i vitali e solenni attributi della libertà.”

Beppe Fenoglio, Il partigiano Johnny.

Cartolina commemorativa su disegno di Giuseppe Ajmone, 1988

Oggi per noi riecheggiano anche parole più lontane:

[…]
NATURA.  Tu mostri non aver posto mente che la vita di quest’universo è un perpetuo circuito di produzione e distruzione, collegate ambedue tra se di maniera, che ciascheduna serve continuamente all’altra, ed alla conservazione del mondo;  il quale sempre che cessasse o l’una o l’atra di loro, verrebbe parimente in dissoluzione.  Per tanto risulterebbe in suo danno se fosse in lui cosa alcuna libera da patimento.

Giacomo Leopardi, Operette Morali, Dialogo della Natura e di un Islandese.
 

Ma forse in questo “tempo strano” in cui è difficile agire,  per dirla con Mariangela Gualtieri,  “c’è dell’oro, forse ci sono doni. Pepite d’oro per noi”.
C’è il tempo dello studio e della riflessione, il tempo di resistere e prepararci a un nuovo impegno cosicché, una volta di nuovo liberati, possiamo anche noi lasciare, col nostro agire, una traccia che sia degna di memoria.

Un abbraccio affettuoso

 

Natalia Ajmone

sito web sito web
Giuseppe Ajmone su facebook Giuseppe Ajmone su facebook
Giuseppe Ajmone su instagram Giuseppe Ajmone su instagram
© 2020 Bookshop Giuseppe Ajmone, tutti i diritti riservati.


Puoi cambiare le preferenze di sottoscrizioneannullare l'iscrizione a questa mailinglist

Email Marketing Powered by Mailchimp