Copy
View this email in your browser

Intervista impossibile a Leo e Ilaria


Ciao <<Nome>>,
hai mai pensato a cos'è che ci fa piacere un libro più di un altro? La trama, certo; la sua originalità, anche; e poi tanti altri aspetti, molti dei quali soggettivi. Tuttavia c'è un aspetto che più degli altri conquista tutti i lettori: i personaggi, che diventano come degli amici che ci dispiace lasciare quando chiudiamo il libro.
Ecco, noi questi personaggi li vogliamo far vivere anche al di fuori delle pagine del "loro" libro. E così, sono nate queste interviste impossibili.
Siete pronti a incontrare Leo e Ilaria?
Copertina del libro La vita sessuale delle sirene
È una splendida giornata di sole. Al parco, il vociare delle mamme richiama i bambini che si sono allontanati per giocare. Questa è l’atmosfera che mi circonda mentre attendo due giovani belli, brillanti e di successo: lui il copywriter più richiesto del momento; lei la modella italiana più fotografata dell’anno. Come in una favola, questi due ragazzi si sono innamorati e si sono sposati, ma il giorno del matrimonio non tutto è andato proprio per il verso giusto, e il gossip si è scatenato.
Ma… eccoli, li vedo in lontananza… Leo e Ilaria stanno arrivando dall’entrata principale: lui con passo cadenzato e occhi curiosi e vividi; lei con un’andatura sinuosa e uno sguardo magnetico.
Io vado loro incontro, voi seguitemi!
 
Buongiorno ragazzi! Grazie per aver accettato il mio invito. Ci accomodiamo a un tavolino del bar? Come state? Ci sono novità? State facendo qualcosa di nuovo ultimamente? Un hobby, uno sport? Per caso… vi siete iscritti in piscina?
 
Ilaria e Leo (in coro): Ehm.
 
So che queste sono domande che non si fanno, ma sarei proprio curiosa di sapere come vi siete svegliati dopo la prima notte di nozze… 

Leo: Secondo te ho dormito dopo quello che è successo?
Ilaria: Nemmeno io sono riuscita a dormire.
 
Quel fatidico bagno in piscina ha avuto delle conseguenze sulla vostra salute?

Ilaria: Sulla mia salute no. Ma ha distrutto tutto il resto. 
Leo: A parte l’alcolismo e la depressione? No, nessuna.
 
Andare contro le regole, uscire fuori dagli schemi, una cosa che entrambi avete fatto dopo il matrimonio, quali sensazioni vi ha dato? 
 
Leo: A volte un senso di liberazione, altre volte solo frustrazione. Ho sempre immaginato che un giorno sarei stato un marito tranquillo e un po’ noioso. Non pensavo che la vita mi avrebbe portato da tutta un’altra parte. 
Ilaria: Io, nonostante tutto, mi sono anche divertita. E divertendomi ho capito chi sono davvero.
 

Qual è la “prima volta” che assolutamente non rivivreste? E la “prima” che augurereste di vivere all’altro/a?
 
Leo: Non rivivrei il primo tradimento di Ilaria, la famosa scena della piscina che hai citato poco fa. Sempre che sia stato il primo…
Ilaria: Certo che è stato il primo! Io non vorrei rivivere la prima volta che mi sei mancato, toh, guarda come sono tenera oggi. E ti auguro prima o poi di vivere la tua prima notte di nozze che hai perso per colpa mia.
Leo: Te lo auguro anch’io. E per non essere tirchio ci aggiungo anche un bambino, ecco. 
 
Che rapporto avete con il senso di colpa, la vendetta e la gelosia?

Leo: Sono un tipo piuttosto geloso. Vendicativo, dipende. Coi sensi di colpa ho un rapporto ondivago.
Ilaria: Sul senso di colpa ci sto lavorando perché mi rendo conto di aver sempre incolpato più gli altri che me stessa. Credevo di non essere una persona gelosa finché non ho avuto motivi per esserlo. Di vendette non parlo di fronte a Leo, non vorrei che prendesse appunti.
 
Ma voi due siete sicuri di esservi simpatici a vicenda?

Leo: Ci mancherebbe. La prima volta che siamo usciti insieme le ho detto che avrei voluto stare con lei per sempre… Se non è simpatia questa!
Ilaria: Leo mi è più simpatico adesso di prima. Ma l’amore e la simpatia sono due cose diverse.
 
Qual è una caratteristica dell’altro che vorreste assolutamente per voi?

Ilaria: La creatività. Ho sempre saputo che era nascosta da qualche parte, ma non pensavo che l’avrebbe portato a questi livelli.
Leo: Se dico le tette?
Finite questa frase: essere in equilibrio significa…?
 
Leo: Vorrei citarti il claim di uno spot famoso ma non me ne viene in mente nessuno. 
Ilaria: A volte significa imparare a stare fermi.
    
Se voi poteste infliggere all’altro/a una punizione per gli errori e i torti commessi, che cosa scegliereste? 
 
Leo: La cosa strana è che non ho mai avuto pensieri di vendetta nei suoi confronti. Però mi sono sfogato col resto del mondo, questo sì.
Ilaria: Penso di averlo già punito più di quanto meritasse.
 
Siete diventate due persone affermate nell’ambito del lavoro e forse, senza quel bagno in piscina, tutto ciò non sarebbe mai accaduto. Cambiereste il corso degli eventi sapendo però di rinunciare anche ai successi ottenuti?
 
Leo: A volte penso a cosa ci avrebbe costretto la routine. Adesso lo sappiamo: noi non siamo persone da routine.
Ilaria: Magari io lo ero.
Leo: Non credo. E non credo che abbia senso rimuginare sul passato. L’ho già fatto per troppo, troppo tempo.
Ilaria: Idem.
 
Acquista su Amazon
Acquista su IBS
Acquista su LaFeltrinelli
Copyright © 2018 Clown Bianco Edizioni, All rights reserved.


Want to change how you receive these emails?
You can update your preferences or unsubscribe from this list.

Email Marketing Powered by Mailchimp